Pagina:Marston.Ms.56.1-45.djvu/63

serto o non ve allegrereissi, inperssochè e' vago a lo mé Paire, e lo mé Paire si è mao de mi. Tute queste cosse ve le digo avanti che elle seam faite, asochè le creai avanti che elle seam faite. Aora e' non parlerò monte cosse con voi, chè lo principo de questo mondo si è vegno[sic] contra de mi, ma ello non a nissuna raxom in mi, ma asochè lo mondo cognosa lo mé Paire e che e' l'è mao Segnó, lo comandamento che o m'a daito e' fasso. E' sum la vija e mé Paire si è lo lavorao, e tuti li rami chi in mi non faram fruto e' li tagerò e ziteròli de föra, e tuti quelli chi in mi faram fruto o li aconserà, asochè e' fassam fruto.

Or voiatri sei za beneiti da lo mé Paire, e' vögo che voi sapiai una cossa, che cossì como lo ramo non po fá fruto da si mesmo se ello non romarà in la vija, avanti o secherà, cossì voi non porei fá fruto se voi non romarei in mi. E' sum lo sepo e voiatri sei li rami, e tute le më parolle saram in voi, tute le cose ve saram aparegai, e tute le cosse che m'a daito lo mé Paire e' le ò oservai e si sum in lo so amor. So che digo, e' lo digo asochè la mea alegressa sea con voi e la mea alegressa sea conpia.

Or questo è lo me comandamento, che 'o ve degai amá l'u' l'atro così como e' ò amao voiatri. O non po esse mao amao in nissum como in la soa anima per li söi amixi.

Or no piamerò voiatri servi, avanti e' ve piamerò amixi, chè lo servo non sa so che lo segnó fa, avanti e' ve piamerò amixi, chè tuto so che e' ò, e' l'ò da lo mé Paire, e si lo manifesto a voiatri, e persò voi porterei fruto, e lo vostro fruto durerà per tuto tenpo. Non ve maravegiai se lo mondo v'a in odio. O v'a in odio chè voi non sei de lo mondo. Si voi fossi de lo mondo, lo mondo amerea so che fosse so, ma in veritae voi non sei de lo mondo, avanti e' ve ne levai, asochè voi andai e fasai fruto, e lo vostro fruto dure per senpermai. E persò voi orerei lo mondo, chè lo servo non è mao cha lo segnó, unde, se elli me perseguem, elli perseguiram voiatri, e se elli goarderam la mea parolla, elli goarderam voi e la vostra parolla, ma tute queste cosse e' le faràm a voi, chè elli non cognoseràm lo mé Paire ni mi. E se o non ge fosse vegnuo e non g'avesse parlao, elli non aveream peccao, ma elli non am schuza de le lor peccae, chè elli desprexam mi e lo mé Paire. E se non avesse faito le övere in elli, le quë nissum homo non avereiva faito, e tute le am viste in mi, e inpersochè elli non am vossuo cognosse mi, ma tuto so acaze asochè le proffecie se conpissem, e so che è scripto è: Elli me averam in odio per li servixi. Ma quando verà lo mesagé chi me manderà lo mé Paire, soè lo Sprito de veritae, lo quá procede da lo Paire, e quello si darà testemonio de mi, persochè da lo comensamento in sa ello è staito con meigo.

Or e' ve digo queste cosse, asochè non seai schandalizai in mi, che elli ve buteram föra de la segnoria. E verà tenpo che quelli chi non rieram, si penseram fá um gram servixo a Dee, e tuto elli faram, persochè elli non cognoseram lo mé Paire ni mi. E queste cosse e' ve le digo asochè, quando queste cosse saram faite, che 'o ve arecordai che e' ve le ò dicte. E' non ve dissi queste cosse da l'icomensamento[sic] persochè era con voiatri, e' ve le digo pesochè e' vago a quello chi m'a mandao, e nigum de voi non me demande unde e' vago. Persochè e' ve ò dicto che e' me ne vago, li vostri cör sum pin de tristessa, ma in veritae e' ve digo che e' l'è mesté che e' me ne vage, inpersochè, se non zeisse, lo Sprito Santo non vereiva in voiatri, e quando o verà o reprenderà lo mondo de justixa e de zuixio e de peccao, e pöa o reprenderà quelli chi non am cretuo in mi. De justixia, persochè vago a lo mé Paire, e de chì avanti voi non me veirei. De zuixio, persochè lo principio de questo mondo sarà desmiso e zitao. E' v'ò a dí monte cosse, ma ora voi non le poi reseive, ma quando verà lo Sprito de veritae, ello ve mostrerà tuta veritae, e non ve parlerà da si mesmo, ma tute quelle cosse che ello dirà odirà da mé Paire, si le farà a savei a voi. E in quello iorno ello me clarifficherà avei tute le cosse de lo mé Paire, persochè ello ve recovererà da mi e anoncierà a voiatri. E averà[sic] che in pocho tenpo voi non me veirei, e uno atro tenpo che voi ne veirei. E' vago a lo mé Paire".

E li desipori dissem inter lor messi mestessi: "Che vö dí so che ello ne dixe: In pocho tenpo voi non me veirei e in pocho tenpo voi me veirei? Noi non samo che cossa vöga dí questo 'pocho'".

E messé Ihu. Xpe. cognosea che elli lo voream demandá, e ge disse: "Voi de so ve maravegai, che e' ve ò